Turismo, l'assessore regionale Caner: "Sono preoccupato per i lavoratori"

2' di lettura 03/02/2021 - Le affermazioni dell’assessore al turismo della Regione del Veneto, Federico Caner, che ha preso parte alla riunione nella quale la Conferenza delle Regioni ha approvato il protocollo per lo sci.

“Sono preoccupato per le imprese, per i ristori, per i lavoratori che chiedono risposte e per gli interventi urgenti che devono andare avanti. Anche questa mattina ho ricevuto tante telefonate da parte degli operatori della montagna che non sanno neppure se la data del 15 febbraio per la riapertura degli impianti, fissata dal decreto del 14 gennaio scorso, sarà effettiva o meno. E nel frattempo assistiamo a un teatrino che non è accettabile e che soprattutto distoglie l’attenzione dai problemi reali del Paese”.

“Da parte di tutte le Regioni – prosegue l’assessore – è stato compiuto un lavoro attento per mettere a punto un documento che fissa nero su bianco le misure che dovranno essere seguite per la riapertura in sicurezza degli impianti. Attendiamo nei prossimi giorni la validazione del Comitato tecnico scientifico. Non vorrei però che questo enorme lavoro venisse vanificato da ritardi dovuti alla crisi politica in corso. Penso che a questo proposito la responsabilità sia doppia e che il tempo a disposizione debba considerarsi scaduto”.

“Servono due cose – conclude Caner –: avere quanto prima certezza sulla data di riapertura degli impianti e non perdere più tempo nell’individuazione ed erogazione delle adeguate risorse. Se anche gli impianti dovessero riaprire, cosa che appunto auspichiamo, non possiamo nascondere che per la montagna buona parte della stagione è andata persa. Da lunedì la nostra Regione è tornata in zona gialla, ma non si tratta di un ‘libera tutti’, né per i cittadini, che ancora sono chiamati a rispettare le misure, né per i turisti, visto che i confini regionali sono ancora chiusi. Ecco perché i ristori per il settore turistico sono necessari e dovranno essere proporzionati alle perdite”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-02-2021 alle 10:32 sul giornale del 04 febbraio 2021 - 120 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bMl1