Sequestrati più di 8.000 metri di tovaglie e tappeti non sicuri

2' di lettura 18/10/2022 - Nell’ambito dell’attività di contrasto ai traffici illeciti e di controllo economico del territorio, i Finanzieri del Comando Provinciale di Padova hanno sequestrato più di 8.000 metri di tovaglie e tappeti confezionati in rotoli, oltre a 700 smalti e 150 flaconi di colla per slime, privi delle etichette o dei contrassegni recanti le indicazioni sulla composizione dei materiali o, se presenti, con informazioni non in italiano, segnalando alla locale Camera di Commercio i rappresentanti legali delle imprese interessate.

Gli interventi eseguiti dalle Compagnie di Piove di Sacco ed Este traggono origine da una capillare attività info-investigativa svolta sul territorio provinciale, che ha consentito di individuare diversi esercizi commerciali a Conselve (PD), Piove di Sacco (PD) e Boara Pisani (PD), operanti nel settore della cessione di prodotti non specializzati per la casa e la persona, in cui la merce veniva posta in vendita in violazione delle prescrizioni imposte dalla normativa vigente.

In particolare, le diverse tipologie di prodotti commercializzati, senza distinzione di materiale (sintetici, pvc, gomma, tela cerata, ecc.) e caratteristiche, erano sprovviste degli avvisi minimi previsti dalla disciplina di settore in materia di informazioni al consumatore, concernenti, tra l’altro, l’eventuale presenza di materiali e/o sostanze che possano potenzialmente arrecare danno all’uomo, alle cose o all’ambiente.

Pertanto, si è proceduto al sequestro amministrativo degli articoli non in regola, per un valore commerciale stimato in 140.000 euro circa, e alla segnalazione dei legali rappresentanti delle società di capitali alla Camera di Commercio di Padova per l’avvio del procedimento amministrativo sanzionatorio.

L’attività delle Fiamme Gialle di Padova s’inserisce nel più ampio novero dei compiti istituzionali della Guardia di Finanza a tutela del mercato dei beni e servizi e della libera concorrenza, orientati al contrasto dei fenomeni illeciti che minacciano la proprietà industriale, il “Made in Italy”, il diritto d’autore e la sicurezza dei consumatori.

La costante attenzione alla filiera dei beni di consumo, rivolta al contrasto della diffusione di prodotti non conformi agli standard di sicurezza richiesti, contribuisce a garantire una protezione efficace dei consumatori e un mercato più competitivo.






Questo è un articolo pubblicato il 18-10-2022 alle 10:28 sul giornale del 19 ottobre 2022 - 10 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dwFR





logoEV